251

Riabilitazione Cardiologica:
le tecniche specifiche

La Riabilitazione Cardiovascolare combina la prescrizione dell’attività fisica con la modificazione dei fattori di rischio (la cosiddetta prevenzione secondaria), al fine di: ridurre i sintomi legati alla malattia, la disabilità e il rischio di ulteriori eventi cardiovascolari; migliorare la capacità di esercizio fisico; favorire il reinserimento lavorativo.
Dopo una valutazione fisioterapica, condotta con vari test e strumenti, si imposta un programma personalizzato di ricondizionamento fisico con treadmill (tapis roulant), cyclette, esercizi di gruppo e individuali; per i pazienti che ne hanno bisogno, vengono associati anche esercizi respiratori.
L’iter riabilitativo viene completato con interventi educazionali di tipo individuale e collettivo, al fine di informare su patologia, stile di vita, terapia farmacologia e in vista del proseguimento del programma di attività fisica a domicilio.